Una due giorni di innovazione tecnologica nel settore dell’agricoltura e del welfare che coinvolgerà ben 14 scuole siciliane nel progetto proposto da EIT Food (European Institute of Technology Food) e realizzato con JA (Junior Achievement)  Europa e JA Italia.

SF4 Innovation Camp si svolgerà online il 14 e il 15 dicembre ed ha come tema fondamentale la riduzione dello spreco alimentare, le innovazioni tecnologiche in agricoltura e la prevenzione delle malattie non trasmissibili tramite la nutrizione salutare. Le tematiche dell’edizione 2020 di “Skills for the Future”, che vedrà sfidarsi gli studenti di 14 scuole proveniente da 8 province dell’Isola.

Quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria in corso l’Innovation Camp si svolgerà online, ma i partecipanti saranno ancora di più: ben 25 classi, 5 in più rispetto alla precedente edizione e l’appuntamento è per il 14 e il 15 dicembre. “La crisi dovuta al Covid19 – ha spiegato Mario Roccaro, responsabile del progetto per EIT Food – sconvolge il modo in cui svolgiamo il nostro lavoro, gli affari e la nostra vita. Tuttavia, offre un’ opportunità unica di sperimentare nuovi modi di collaborare e istruire i talenti per risolvere le sfide che hanno un impatto sul sistema alimentare, sulla nostra società e sul nostro pianeta. In questo scenario S4F rimarrà invariato ma si svolgerà interamente online e si avvarrà di una piattaforma (MyJA) attraverso cui docenti e studenti si confronteranno per sviluppare le loro idee imprenditoriali”.

L’edizione 2020 di S4F prevede 3 challenges: i giovani talenti, che potranno avvalersi della collaborazione di 20 mentors della facoltà di Economia dell’università di Catania, si confronteranno sulle due sfide previste già dal progetto nel 2019, ovvero “Food losses and/or waste”, la lotta allo spreco alimentare e “Agriculture 4.0”, ovvero le innovazioni tecnologiche in ambito agricolo, a cui si aggiunge “Healthy nutrition and prevention of non-communicable diseases”, in cui si chiede di trovare soluzioni per contribuire a una nutrizione salutare per prevenire malattie non trasmissibili.

Alle due importanti tematiche trattate nel 2019 – ha continuato Mario Roccaromolto apprezzate dagli studenti durante l’Innovation Camp dello scorso anno, nell’edizione 2020 la fida sarà estesa alla lotta alle malattie non trasmissibili (non legate alla presenza di virus o batteri), tramite una corretta alimentazione ed una giusta prevenzione. Questo tipo di malattie (cardiovascolari, cancro, respiratorie, diabete) costituiscono la principale causa di morte nel mondo rappresentando il 63% di tutte le morti annuali con percentuali di incidenza in netto aumento soprattutto nei paesi in via di sviluppo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *