Con la risoluzione n. 55/E del 3 ottobre 2023, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulla compilazione della sezione “Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico” della Certificazione Unica 2024.

In particolare, la risoluzione ha confermato che la sezione deve essere compilata dal sostituto d’imposta anche nell’ipotesi in cui per i soggetti ivi indicati non si รจ provveduto al riconoscimento della detrazione per carichi di famiglia o di oneri e spese sostenute nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico.

Tale obbligo รจ previsto dall’articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 29 dicembre 2021, n. 230, che ha introdotto l’assegno unico e universale per i figli a carico.

L’assegno unico, infatti, รจ riconosciuto in alternativa alle detrazioni per carichi di famiglia, ma i dati relativi ai figli a carico devono comunque essere indicati nella Certificazione Unica.

La compilazione della sezione “Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico” รจ necessaria per la corretta applicazione di alcune norme fiscali, quali:

  • L’innalzamento a 3.000 euro della soglia di esenzione dei fringe benefit prevista, per il periodo d’imposta 2023, a favore dei genitori con figli a carico;
  • Il riconoscimento dell’assegno unico ai figli disabili con etร  superiore a 21 anni.

I sostituti d’imposta devono compilare la sezione “Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico” della Certificazione Unica 2024 in base alle informazioni in loro possesso.

In particolare, devono indicare:

  • I dati anagrafici del coniuge e dei familiari a carico;
  • Il codice fiscale del coniuge e dei familiari a carico;
  • Il rapporto di parentela o affinitร  con il dichiarante;
  • La data di nascita del figlio;
  • La condizione di disabilitร  del figlio.

I dati relativi ai figli a carico devono essere indicati anche se il sostituto d’imposta non ha riconosciuto la detrazione per carichi di famiglia.

La mancata compilazione della sezione “Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico” potrebbe comportare l’applicazione di sanzioni da parte dell’Agenzia delle Entrate.

In particolare, l’articolo 10, comma 1, lettera d), del decreto legislativo n. 471/1997 prevede l’applicazione di una sanzione amministrativa dal 100 al 200% dell’imposta evasa, nel caso in cui il sostituto d’imposta non fornisca le informazioni richieste per la determinazione del reddito complessivo o della base imponibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You missed